PAOLO VINCENTI, Per poco tempo. Per Cosimo Russo


Quando un poeta scompare, restiamo sempre un po’ orfani di pensiero. Ancor di più se si tratta di un poeta che avrebbe avuto molto da dire, quando l’incipit equivale drammaticamente all’explicit, il prologo all’esodo, in quella corrispondenza di vita e morte che gli antichi chiamavano fatum, un concetto un po’ più ampio del nostro destino. Dum fata sinunt vivite laeti, dicevano i latini, e Cosimo Russo forse proprio consapevole di questa massima grave e leggera viveva i propri giorni serenamente, senza sgomitare, senza fretta direi, senza ansie, arrivismi, senza brama di apparire, interessi, cupidigia. Tanto, appunto, il fato si compirà.

Cosimo Russo sapeva contare i giorni di un tempo fuggitivo, snocciolarli come grani di un rosario, segnarli come su un calendario essenziale, e per fermarli li trasformava in versi, quelli che hanno la sostanza dei sogni, la concretezza dell’inutilità. Baluginanti, come il brillio del mare di Finibusterrae, odorosi come effluvi di estati bambine, preziosi come collane di madreperla. Eppure intensi, pensosi della fine, vagamente, oscuramente presaghi. Come vaghe e oscure, le ombre che di sera si allungano sulla case, come oscuri e vaghi echi, quei richiami del mare al quale è cresciuto vicino. Gagliano, provincia di Lecce, estremo sud della penisola salentina. A che serve sbracciarsi, affannarsi, correre nell’assurda frenesia che tutti ci contagia, nell’odierna competizione che ci vedrà comunque sconfitti?

La sua vita appartata, poco devota al transeunte, può essere un monito per tutti noi, che con fatica lo raccoglieremo. Ora, i suoi pensieri sono diventati un prezioso cofanetto, uno scrigno di memorie, che è questo libro, Per poco tempo (Manni Editore, 2017), in cui già il titolo è paradigmatico di una vita spezzata, di una parabola interrotta. Un libro ben fatto, di cui curatrice è la madre dell’autore, Luigina Paradiso, vestale dei giorni, dei luoghi, dei sapori, degli umori, e custode di memorie lariche, di quel lessico famigliare, per dirla con Natalia Ginzburg, di quell’alfabeto poetico adoprato da Cosimo per comporre le poesie. Versi brevi, leggeri, come la sua vita. Si può facilmente rintracciare la matrice di questi versi nella linea poetica del Novecento, dei Montale, Rebora, Quasimodo, Gatto, Caproni. Il lirismo si compagina di una intimità sofferta, una dimensione del tragico della vita che affiora inaspettatamente anche nelle poesie più luminose, fra le pagine di questo canzoniere ricomposto.

Il linguaggio di Cosimo Russo, Mimmo per gli amici, è altamente poetico, avulso dalle problematicità dell’oggi, eppure così contemporaneo, ma lontano dalla lingua dell’omologazione. Poesia dei minimi dettagli, dell’apparizione numinosa del mondo, soprattutto nell’incontro col paesaggio, delle relazioni famigliari, amicali, sentimentali, della bellezza dolce e amara, dei silenzi, di quella sorta di hortus conclusus che era il suo microcosmo abitato da presenze rassicuranti, poesia della stessa poesia infine, in questa silloge presentata in varie date nel Salento da Luigina Paradiso, anch’ella scrittrice e operatrice culturale. E l’immagine più bella, sospesa in filigrana fra le pagine del libro, forse è proprio questa: le mani materne, quelle mani che hanno curato e rimboccato coperte, ora ricompongono pagine preziose, nel dono.

“Per poco tempo”, allora, ma in questo poco tempo, Cosimo Russo ha scavato un solco, e, hic manebimus optime, saprà parlare a chi vorrà ascoltare. Perché la permanenza della poesia possa essere voce che continui ad abitarci.

 

Cosimo Russo
Per poco tempo
Manni Editore, 2017, pp. 96

Biografia di Paolo Vincenti


 

Letture - Riletture

Informazioni su frequenzepoetiche

Giorgio Moio è nato a Quarto (NA) il 25 maggio 1959. Poeta, è stato redattore delle riviste «Altri Termini» e «Oltranza» (di quest’ultima è anche tra i fondatori). Direttore editoriale di una piccola casa editrice, nel 1998 ha fondato e dirige la rivista «Risvolti», quaderni di linguaggi in movimento. Ha collaborato con numerose riviste, attualmente collabora assiduamente col magazine on line "Cinque Colonne" e con la rivista webzine "Malacoda". Ha pubblicato una quindicina di volumi.

Precedente CARLOS VITALE, El triunfo de la muerte / Il trionfo della morte (Traduzione di Teresa Albasini) Successivo FLORIANA COPPOLA, I duellanti di Algeri

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.