Crea sito

NATASA BUTINAR, Tre poesie (Trad. dallo slavo di Emir Sokolovic)

KAO JEDAN LIST

Događa se

sada

da

moja  misao

luta uspomenama

ne znajući gdje  će stati.

Odsutnost vremena,

nepoznato mjesto

dolaska,

nema cilja.

Osjećam se  kao da plešem u zraku

poput požutjelog lista

nošenog vjetrom,

ali ipak

jednom sam i ja nepokolebljivo živjela

na vrhu bujnog stabla

i dotakla sam

nebesko plavetnilo

prije pada

prije davanja odgovarajuće težine

ovoj prispodobi

dobro poznatoj čovječanstvu.

COME UNA FOGLIA 

Ora

succede

che

il mio pensiero

vaga sulle memorie

senza sapere dove cadrà.

L’assenza del Tempo ,

sconosciuto il  luogo

dell’arrivo,

nessuna meta.

Mi sembra di danzare in aria

come una foglia ingiallita

trasportata dal vento

eppure

una volta

anche io ho vissuto salda

in cima di un albero rigoglioso

e  ho toccato il cielo ceruleo

prima di cadere

prima di dare giusto peso 

 a questa parabola

ben nota

al genere umano.

*

PRIJATELJU POGINULOM U RATU

Prijatelju moj,
u ovom trenutku
dijele nas elipse
svih mojih smrti,
 rijeke tvojih misli
utkane u liniju beskonačnosti.

Dijeli nas godina svjetlosti,
krik ogorčenog
s ruba vremena
koji pada u zaborav.

Prijatelju moj ,
u ovom trenutku
dijeli nas ocean Oluje
plus udaljenost Zemlja-Mjesec
nema nade
da se uskoro susretnemo
ako ne u blagoj pospanosti
koja danas  kiši
s nebeskog svoda.

ALL’AMICO CADUTO IN GUERRA

Amico mio,

in questo momento

ci dividono l’ellissi

di tutte le mie morti,

 i fiumi dei tuoi pensieri

intessuti nella linea dell’infinito.

Ci divide un anno di luce ,

il grido dell’indignato

dall’orlo del Tempo

che precipita nel dimenticatoio.

Amico mio ,

in questo momento

ci divide l’oceano delle Tempeste

più la distanza Terra-Luna

è non c’è speranza alcuna

di incontrarti a breve

se no nella sonnolenza lieve

che piove in questo pomeriggio

dalla volta celeste .

*

U BESKRAJU

I tako,

prohujale su godine

povukle za sobom snove i tjeskobe.

Vrijeme nas proždire dok se okreće,

no ta se očarana vodenica

nevjerojatno vrti dalje .

Umjesto zrnaca riže

sad melje stanac

teži ekstraktu zlata

iz anonimnog kamenja,

sumornih sjećanja,

zraka Mjeseca,

divovskih akumulacija

sa Ghiraba i Kratera,

radij čist.

Noćas ,

po Beskraju,

kročit ću sama.

DENTRO L’INFINITO

  E cosi,

volarono via gli anni

portando con se i sogni ed affanni.

  Il tempo ci divora intanto che ruota ,

ma quell’incantato mulino

 incredibilmente gira ancora.

 Al  posto dei grani del riso

ora  macina  i sassi cercando

d’astrarre l’oro dall’anonime pietre ,

rimembranze tetre,

 raggi di Luna,

giganteschi amassi

provenienti dal Ghirab e dal Cratere ,

radio allo stato puro.

Stanotte dentro l’infinito da sola mi avventuro.

Biografia di Natasa Butinar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.