Crea sito

CRESTOMAZIA 11

CRESTOMAZIA


Testi verbovisuali di: József Bíró, Carlo Marcello Conti, Mauro Dal Fior, Cinzia Farina, Oronzo Liuzzi, Bruno Mohorovich, Ina Ripari, Antonio Spagnuolo, Davide Uria, Michela Zanarella

 

*

 

JÓZSEF BÍRÓ

Killer virus

stuttering haiku / concrete poem

 

co co vid 19 co

vid co vid co vid co 19

co co vid 19 co

 

*

 

CARLO MARCELLO CONTI

 

 

*

 

MAURO DAL FIOR

 

*

 

CINZIA FARINA

Mythos

 

 

*

 

ORONZO LIUZZI

duezeroduezero

 

mi incammino mi fermo dentro un
mondo dopo e vedo fili sottili di
meraviglia dialogo sui destini dell’uomo
cresco insieme al grano e alla zizzania il
sogno avanza guardo l’invisibile
l’imprevedibile futuro che mi
attende forse l’atto di fede o forse ci
attende rabbia disperazione e
abusi e violenze

c’era una volta un nemico

noi lasciamo una clausura imposta
affrontiamo una nuova vita
loro restano in una clausura scelta
non rinnovano la vita

l’ultima parola l’ultimo gemito tutto in
fretta a scorrimento veloce
un bizzarro tempo triste qualcuno morto
più solo degli altri qualcuno
è rimasto solo anche dopo la morte

c’è un momento per gli abbracci
c’è un momento per i non abbracci

eri stanco e io ero lì
non c’ero
tu sprofondavi e io ero lì
non c’ero

viaggio nel racconto del colore inquieto e
segreto per selve oscure incontro il
paesaggio osservo e respiro l’odore
intimo delle foglie i
fili sommersi dell’erba

 

*

 

BRUNO MOHOROVICH

È per te
l’aria di questa sera
che lava il cielo,
incantesimo di magie
in questo vuoto di voci.
È per te
la mia penna di pensieri
che vado versando
sul foglio del tuo volto.
Parole alla rinfusa
che riempiono
il tempo del nostro tempo
mai spezzato nel suo fluire
sono per te
che sei colore
d’un concerto notturno.

 

*

 

INA RIPARI

Elettroencefalogramma piatto

 

 

*

 

ANTONIO SPAGNUOLO

Primo Maggio

Il vessillo ha il tremore delle braccia
per quella forza incandescente
ed una certa dose di incoscienza
che serpeggia nell’urlo della folla.
Non cerca dubbio nel futuro la luce
della legge dei padri, che traspira
ancora una volta e scava nel selciato
l’imperterrita volontà delle vittorie.
Vacanza in trasferta la vertigine
che rassicura l’opera inviolabile,
schianto di promozioni in lunga serie
di lotte aspettando il traguardo del lavoro.

 

*

 

DAVIDE URIA

Una poesia tratta dal progetto

 

Vorrei volare
ma non posso,
non ho ali
e quattro mura
restano sempre
quattro mura.

Ti saluto
dalla mia finestra,
ed è tutto quello
che posso fare.

È come finire
in trappola
in una ragnatela
dove le mie parole
diventano fili
che misurano
la distanza
tra me, te,
e il mondo.

(da Panacea. Al di là dell’abisso, autoprod., con illustrazioni di Mariateresa Quercia)

 

*

 

MICHELA ZANARELLA

Tra le falde del cielo

Non è mai facile abituarsi all’urto del tempo
né tantomeno ai colpi di vento alle spalle
la salvezza è star legati alla memoria senza eccedere
incrociare le assenze e renderle decorso naturale
chinarsi tra le ombre accovacciare gli occhi
e sentire ancora tra le falde del cielo
gli echi di quelle risate, la voce consumata
a rimuovere le spine dal silenzio.


 

Pubblicato da frequenzepoetiche

Giorgio Moio è nato a Quarto (NA) il 25 maggio 1959. Poeta, è stato redattore delle riviste «Altri Termini» e «Oltranza» (di quest’ultima è anche tra i fondatori). Direttore editoriale di una piccola casa editrice, nel 1998 ha fondato e dirige la rivista «Risvolti», quaderni di linguaggi in movimento. Ha collaborato con numerose riviste, attualmente collabora assiduamente col magazine on line "Cinque Colonne" e con la rivista webzine "Malacoda". Ha pubblicato una quindicina di volumi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.